se stessi


























(Credit Serena Santi)

Se stessi

oval mirror, neon light, stone, 2015

"Apocalypsis | Rivelazioni" curated by Spazio Supernova
Chiesa di Santa Maria del Torresino, Cittadella

February 28th - March 8th
On Saturday and  on Sunday 10-12 | 15-18 h

"In occasione della mostra APOCALYPSIS | RIVELAZIONI, il duo Antonello Ghezzi presenta l'opera Se stessi.
Al centro dello spazio espositivo si colloca un grande specchio, illuminato da sotto, che lascia trasparire il celebre monito biblico, su di esso inciso, "Chi di voi è senza peccato, scagli per primo la pietra": la superficie riflette il lettore, che vede la propria immagine e diventa parte dell'opera, soggetto logico della citazione, e finisce col mettere in atto una lettura interiore e riflessiva.
Lo spettatore, infatti, si relaziona dall'alto dei suoi giudizi e spesso cade nell'illusione di essere immune dalla colpa. Quando invece abbassa lo sguardo verso il pavimento, verso il vero, verso il monito, è costretto a vedere se stesso riflesso.
Una pietra ha già scalfito lo specchio che porta i segni del gesto. Gli artisti, infatti, hanno voluto per primi dialogare con la loro opera: in un atto di profonda lucidità, hanno risposto al monito per dimostrare quanto siamo avvolti da una bieca cecità, un'arroganza prevaricante e censurante verso se stessi e verso l'altro.
Secondo Antonello Ghezzi, ci dimentichiamo che, in fondo, gli altri siamo noi: siamo tutti esseri delicati, sospesi in un limbo di errori e impotenze, tutti nella medesima situazione esistenziale, a coscienza della quale dovremmo aprirci in un atteggiamento di comprensione e di slancio. Il motto delfico "Conosci te stesso" altro non era se non questo: l'invito ad avere la piena coscienza disillusa del proprio sè, unico atto grazie al quale ci è possibile relazionarci con l'altro in modo equilibrato ed etico.
In questo senso, Antonello Ghezzi segue la propria poetica che ha radici e sguardo rivolti nella direzione della riflessione sociale, del rapporto tra le esistenze, tra l'io e il mondo. In questo senso, Se stessi è un'opera maieutica: aiuta a far venire alla luce quanto di più difficile e profondo possa custodire l'essere umano, il rapporto veritiero e onesto con se stessi."

Spazio Supernova


(Credit Alessandro Cardinale)